venerdì 17 agosto 2018

onde

scorderemo quel mare
azzurrino che guarda
coi nostri occhi
al risveglio
è un'alba la tua bocca
e fuori a capofitto il silenzio
addormenta ancora le onde
disperse lontano
alla ricerca d'un senso
stampato sul pigiama
a modellare le curve dei corpi

ammonimento

l'infelicità è un ammonimento del cielo

manducando

una cosa che mi piacerebbe sapere: cosa mangiava, o meglio, cosa prediligeva mangiare aristotele?
oppure epitteto o seneca.
specifico la curiosità della preferenza perché non tutti, come me, mangiano sempre (o quasi) quel che preferiscono

giovedì 16 agosto 2018

temp-estivus

risiamo ai soliti annunci.
tantissimo tuonò. troppo.
mi aspetto anzi che non pioverà e una prolungata siccità

andromedomachia

ve lo dico io cos'era, l'impressione che ne ebbi la prima e unica volta che lo vidi.
era l'apparizione inquietante del mostro marino

martedì 14 agosto 2018

lunedì 13 agosto 2018

beatrice rana suona j.s.bach

nel clavicembalo ben temperato pareva di risentire glenn gould.
devo dire di averla preferita nell'interpretazione del primo concerto di beethoven.
ma la conosco ancora troppo poco e dovrei riascoltarla