lunedì 31 ottobre 2016

sovrastrutture, artifizii, contraffazioni, travestimenti, mascheramenti

il solito paese dei ponti e scherzetti macabri

tanto rumore e clamore per nulla

intendiamoci:  non è che non mi spiaccia. il dolore merita infatti pietas. e la sofferenza compassione.
però spiace sentire ancora e sempre le stesse considerazioni e non vedere alcuna volontà di risolvere i problemi e di cambiamento. si preferiscono i proclami e la drammatizzazione del momento

venerdì 28 ottobre 2016

critica

un frammento di trasmissione radiofonica (era già iniziata quando ho cominciato a ascoltare).
vengono interpellati degli esperti (così mi pare di poterli definire. probabilmente dei docenti).
ebbene, risulta che ai giovani d'oggi manca del tutto o quasi lo spirito critico.
non viene sviluppato in quanto questo è un sistema che non lo richiede.
si punta esclusivamente sulle competenze tecniche specifiche

giovedì 27 ottobre 2016

foro degli idoli (bacone)

Il collegamento tra gli uomini avviene per mezzo della favella, ma i nomi sono imposti alle cose secondo la comprensione e consuetudine del volgo, e basta questa informe e inadeguata attribuzione di nomi a sconvolgere in modo straordinario l’intelletto. Né valgono certo, a ripristinare il naturale rapporto tra l’intelletto e le cose, tutte quelle definizioni ed esplicazioni delle quali i dotti si servono per le loro dispute. Perché le parole fanno violenza all’intelletto e turbano i ragionamenti, conducendo la mente umana ad innumerevoli controversie e considerazioni vane e false

lo supponevo

ieri pomeriggio, tra un giallo e l'altro, ho effettuato un piccolo sondaggio interno al gruppo dei presenti.
netta affermazione del "sì"

mercoledì 26 ottobre 2016

sospetto

e poi al giorno d'oggi, invece di sorridere gratamente, è più facile che ti guardino con sospetto

ostacoli

bei tempi, quando potevo aiutare le signore in difficoltà con le loro pesanti valigie a superare l'ostacolo d'una scala.
neppure esistono più quelle signore

lunedì 24 ottobre 2016

tempestività

una cosa che mi stupisce ancora

io

io sono io.
non lo dico per convincervi.
ci credo

amante irato

punito da dio, che più s'accende
contro chi egli ama più, quando s'offende

particolari

non è questione di denaro ma di corretto agire.
che si tratti di 1 centesimo come di 1 milione. che si tratti di ricevere o di dare

sabato 22 ottobre 2016

venerdì 21 ottobre 2016

sondare

fallendo ha centrato in pieno l'obiettivo

interpretazioni

gli umani, tendendo a formulare una sola interpretazione, in genere non possono che ipotizzare l'errore e l'incomprensione altrui

farsa

si sarà divertito l'ometto all'ingresso

mai

non litigo possibilmente mai. è cosa che non mi piace.
però perché mai rinunciare a fare tutto ciò che è possibile per realizzarne le condizioni?

vitalità dell'amore (cioran)

non si può, senza essere ingiusti, parlar male di un sentimento che è sopravvissuto al romanticismo e al bidet

coerenza

se vogliamo le scale sporche, allora non paghiamo l'impresa di pulizie

giovedì 20 ottobre 2016

mercoledì 19 ottobre 2016

lunedì 17 ottobre 2016

scegliere per operare e provvedere

dicesi "operare una scelta". è implicita la capacità e volontà.
anche e soprattutto di dare seguito concretamente.
tuttavia non è così scontato.
infatti si disquisisce pure di "servo arbitrio".
ma io preferirei parlare di arbitraria propensione

sabato 15 ottobre 2016

il posto di mia moglie

è in cucina, dice qualcuno.
a parte che non ho mai avuto moglie, dove la vorrei-metterei io? naturalmente scherzando...

venerdì 14 ottobre 2016

duduk (un museo in musica)

sono rimasto un po' indietro la settimana scorsa, a causa dei problemi avuti, per qualche giorno, a postare.
vorrei almeno parlare di questo strumento musicale, che non si ha occasione di ascoltare di frequente.
strumento tradizionale armeno di forma simile al flauto e con un suono tra clarinetto e fagotto.
la tecnica è, come meccanica, analoga a quella della zampogna: occorre infatti gonfiare bene le guance spingendo l'aria nello strumento per produrre l'effetto acustico.
ma la vera sfida per il musicista e interprete è quella di esprimere l'amore della propria terra

rame avrebbe apprezzato

la sua interprete-sostituta, in coppia con fo, nello spettacolo "callas".
cortellesi è (ma lo sapevo già) bravissima

cambio del proverbio

ora toccherà cambiare la vecchia formula in: morto un nobel se ne fa un altro

giovedì 13 ottobre 2016

anfibologia dimostrativa

come la tigre
non sono feroce
come il coniglio
non sono mansueto
come il cane
non sono fedele
come il gatto
non sono sornione
come il pavone
non sono superbo
come la volpe
non sono astuto
come me stesso
sono non risposta
a infinite domande

nella stupidità (e. cioran)

nella stupidità c'è qualcosa di serio che, meglio indirizzato, potrebbe moltiplicare il numero dei capolavori

lungo la strada

tre nutrie investite e sette sacchetti di residuo (più un ombrello) nel fosso

mercoledì 12 ottobre 2016

sciocchezze

sto continuando a scrivere, più del solito intendo. tutte sciocchezze, naturalmente.
il quadernetto è quasi finito. e mancano ancora due mesi

specie

come fanno gli uomini a ingrassare, a metter su pancia?
quante decine di alimenti ingurgitano ogni giorno?

lunedì 10 ottobre 2016

soma

sembro un mulo

alla finestra del tempo

è una lucida follia
che ci fa parlare
che ci fa scrivere
come avessimo una prospettiva
una somma finale da calcolare
fossero pure
due stelline di riserva
per il cielo sopra il davanzale

cosa per caso l'occaso

guarda cosa ti combina il caso!
la mattina mi citano il termine e chiedono spiegazioni e la sera stessa, aprendo a caso l'eneide, trovo:
con quella furia che di pioggia un nembo
vien dall'occaso, allor che d'oriente
fan sorgendo i Capretti a noi tempesta

venerdì 7 ottobre 2016

meli

fra me e i vermi abbiamo fatto proprio un bel lavoro: sono completamente spogli

53000

il numero di manicaretti che, dicono, le rezdore abbiano preparato per la sagra del tortel dols

giovedì 6 ottobre 2016

lunedì 3 ottobre 2016

giornata nazionale in memoria delle vittime

dell'immigrazione.
avete letto bene? avete letto bene. non dell'emigrazione.
una piccola ma sostanziale differenza.
pare dunque che ci siano vittime e vittime