mercoledì 5 aprile 2017

armi

armarsi di certezze

29 commenti:

  1. Tu sei "armato" di certezze?
    Io no, tranne alcune.
    Giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, io sono uno scettico. buon giorno

      Elimina
    2. Ecco, allora sarai messo al muro e fucilato, dalle armi della certezza.

      Elimina
    3. Anch' io. Ma sono davanti alla finestra di casa mia. Come diceva la Fallaci

      Elimina
    4. lar@ prova a spiegare

      Elimina
  2. Risposte
    1. certamente dipende. ma in generale la cosa non mi convince

      Elimina
    2. ma tu sei ben armato suvvia !!

      Elimina
    3. Sarebbe interessante sapere quali sono le tue certezze e soprattutto come fai ad essere sicuro di armarti di certezze quando la vita stessa è effimera e si può andare nell'aldilà fra un secondo.

      Elimina
    4. Fiorella5/4/17 14:03
      Nostalgia nostalgia canaglia
      05/04/17
      14:41:37 WIND Telecomunicazioni S.p.A Torino (IT) Safari iPad OS 5.x
      Ecco una certezza, Antonypoe. La nostra "amica" passa il pomeriggio a controllare il mio blog, esattamente come controllava quello di Larissa

      Elimina
    5. nel@ direi proprio di no

      Elimina
    6. far@ il post è una riflessione. niente di personale. non sono sicuro di nulla e valuto ogni possibilità. poi ho le mie opinioni e faccio delle scelte. sempre arbitrarie e soggettive

      Elimina
    7. antonypoe6/4/17 08:06 :-) Capisco! ;-)

      Elimina
  3. Per difendere le mie certezze. Sai sono molto diretta. Temo ripercussioni ahaahaūüôĄ
    Stai invecchiando vecchio tony. Capivi al volo tempo fa.
    Ciottolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non facile da capire, direi, specialmente col riferimento a fallaci

      Elimina
    2. Peccato la fallaci ha detto una frase memorabile che non si può dimenticare

      Elimina
    3. pure io, ogni tanto, dico frasi memorabili. che io stesso dimentico :)

      Elimina
  4. Senza certezze non si va da nessuna parte. Per averle bisogna lavorare duro con la mente e il cuore. Ci vuole tempo e pazienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. distinguerei le certezze dalle scelte. anche se la derivazione dei termini è sempre da "cernere"

      Elimina
    2. Dite che siete "quasi" certi. Non esiste alcuna certezza assoluta. Solo presunzione.
      Sei montato antonypoe...pure tu al contrario ūüėŹ

      Elimina
  5. Si sceglie solo se c'è la garanzia della certezza. Negli altri casi mi astengo. Diceva Hannah Arendt che scegliere il male peggiore è sbagliato, perché scegli in ogni caso il male. E' quello che accade in politica. Nessun partito politico mi rappresenta e io non voto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, non concordo: la scelta non può essere basata su una garanzia. anzi direi che il valore della scelta si fonda proprio sulla considerazione opposta.
      per quanto riguarda il male peggiore: si tratta di categorie ideologiche. e non mi convincono

      Elimina
    2. sono d'accordo con Anna !

      Elimina
    3. Pure a me antonypoe mi convincono poco. Quello che noto soprattutto di questi tempi è che i capitalisti stanno portando all' esasperazione il ceto medio-basso. Spremendo come limoni. La crisi la sentono anche i ricchi e agiscono di conseguenza. Non tollero questo atteggiamento.

      Elimina
  6. L’ideologia introduce una visuale totale del mondo, in cui si pensa che con la ragione si possa spiegare tutto. Pensando di cambiare tutto con la potenza della ragione, la cosiddetta "visione totale" costringe la realt√† e dio a inchinarsi alla "ragione" dell’uomo.
    Sono le tesi di Horkheimer e Adorno sviluppate nella Dialettica dell’illuminismo.
    L’ideologia √® l’esatto contrario della fede religiosa.
    Se manca la grazia, ad un solo scopo è presente la ragione della legge, a rendere colpevoli e ad uccidere.
    Perci√≤ l'uomo di oggi √® inquieto sotto ogni punto di vista, eccetto quando non pensa, perseguitato dalla violenza e dall'ombra della paura. Secondo Horkheimer e Adorno, l'illuminismo proclam√≤ l'autodeterminazione razionale dell’uomo, ma fin√¨ con l'imporre al mondo una razionalit√† scientifica in grado di vanificare, se non di impedire, la stessa libert√† che rivendicava al soggetto.
    Questa ragione scientifica, basata sull'oggettivazione della realtà, si proponeva di dominare tutto il mondo della natura, allo scopo di un suo sfruttamento strumentale.
    Con lo sviluppo della tecnologia, anche l'uomo, la vita umana stessa, sono diventati oggetto di analisi a scopo di dominio e manipolazione.
    Di fatto, il progetto illuminista si è risolto nel suo opposto.
    Tra la ragione come facoltà della scienza e la ragione come facoltà della libertà si è così sviluppato un conflitto, con la vittoria della razionalità tecnocratica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. analisi interessanti, con elementi condivisibili.
      però personalmente penso che l'intento non fosse quello dello sfruttamento ma della comprensione del mondo

      Elimina
    2. Comprensione? Essi. Intanto il certificato di garanzia, grazie. √ą da un po' che attendo.

      Elimina