venerdì 29 maggio 2020

sovrapposizioni

sotto la grande quercia in riva al torrente il verso rauco del fagiano pare quello d'un leone
mentre san girolamo nello studio è assorto il pavone passeggia senza superbia
leggo poco durante la stagione invernale
a primavera ho terminato il libro iniziato cinque anni fa
lunedì prossimo è ferragosto e noi due stiamo insieme, io mangio quel che mangi tu
l'annientamento del paganesimo avrebbe fornito un argomento irrefutabile a favore della verità di cristo
lancino pure tutti i loro sarcasmi contro di noi!
questi schernitori saranno l'anno venturo meno numerosi di oggi
si temprasse il diro annunzio

giovedì 28 maggio 2020

universo arturiano

a parte qualche vaccaro e qualche povero contadino, un mondo popolato esclusivamente di donzelle e cavalieri.
le prime assai dedite alle arti magiche, i secondi smaniosi solo di duellare.
il serio miscelato al giocoso, la perfidia e l'inganno alternate alla nobiltà e lealtà, ma in modo molto leggiero, quasi riguardasse altri

calorosi

ho già visto diverse persone in braghette, infradito e canotta.
non so come faranno in estate

mercoledì 27 maggio 2020

ipocrisia

in verità nessuno vi dirà: nell'ora della conflagrazione e del giudizio della carne avete già ricevuto la mercede

martedì 26 maggio 2020

venerdì 22 maggio 2020

giovedì 21 maggio 2020

sconfitta

ognuno almeno una volta nella vita assapora la sconfitta.
l'opportunità di vedere le cose da una diversa prospettiva.
dal basso.
e poi anche quella, altrimenti impossibile, di rialzarsi

giorno di permesso (litania tragica)

fa, mio dio,
che qui una almeno torni.
permetti, che la mente
non so io dove mi porti

mercoledì 20 maggio 2020

coupé squalo

rivedendola dopo diverso tempo m'è un po' spiaciuto d'averla regalata.
perché è un'auto ancora perfetta, da ogni punto di vista, ma soprattutto, a parer mio, con una carrozzeria dalla forma splendida

martedì 19 maggio 2020

lunedì 18 maggio 2020

soffri

soffri, che il piede
altrove io porti

mente

"è una giornata tenebrosa, una giornata infausta" disse.

"è un giorno come ogni altro, semplicemente un giorno. sei tu ad avere la mente tenebrosa e turbata, mio signore"

fase due più

con la cultura non si mangia.
al massimo si può fare uno spuntino

cum videris

cum videris illic
ingentem exigua regem tellure iacentem...
mortales negligit actus

venerdì 15 maggio 2020

se si vede dal mattino

non so a cosa prestar fede.
nel venire in ufficio ho preso l'acqua.
però lontano, laggiù in fondo alla campagna, nel cielo è spuntato l'arcobaleno

cambiamento (aggravamento)

cambierà tutto, qualcosa o non cambierà niente?
il problema è che questo lo decideremo (lo deciderete) in base al virus e ai suoi effetti

martedì 12 maggio 2020

servilismo

esistono dei verbi che sono servili

corpi di stato

viene in mente soprattutto il fronte della fermezza

dopo aver ascoltato sabato lo splendido lavoro teatrale di marco baliani: emozionale ed emozionante

naturalmente tutti (o quasi) siamo contenti per silvia (ho pensato spesso a lei)

senza dimenticare (pochi ne parlano: assai meno mediatico) mustafa, helin e ibrahim:
ci hanno lasciato solo il nostro corpo per combattere

lunedì 11 maggio 2020

venerdì 8 maggio 2020

se... tutto

gli appariva enorme l'importanza della sua visita a Lisa; se fosse riuscito ad amarla, tutto poi sarebbe stato possibile

fienagione

sono tornati a nidificare, nei campi appena falciati, quegli strani uccelli marini.
eseguono i loro ubriacanti balletti nell'aria frizzante, come per festeggiare il sorgente sole e la nuova stagione degli amori primaverili.
più probabilmente con questo vogliono solo controllare il territorio e scacciare, tenere lontani possibili predatori

giovedì 7 maggio 2020

vento contrario

m'ero ripromesso di farlo, una volta cessato il blocco.
così ho preso una giornata di permesso, ho tirato fuori la vecchia colnago freccia giallorossa e mi sono fatto un bel giretto attraversando il paesaggio primaverile della nostra amena pianura.
niente di paragonabile a quel che facevo una volta. ma qualcosa ancora sono in grado di fare, nonostante le precarie condizioni fisiche.
nel pomeriggio sono rientrato. sfinito ma contento


lunedì 4 maggio 2020

liberazione

propongo di sostituire il 4 maggio al 25 aprile

invecchiamento

ha la mia età e si scusa più di una volta, dicendo di aver ormai qualche piccolo problema di memoria.
mi ha domandato almeno 5-6 volte di ripetere le solite 3 cose che ho ordinato: pane, uova e radicchio. alla fine s'è deciso, pare, a prendere un appunto scritto.
poi ritelefona il giorno dopo, rielencandole un paio di volte (non si sa mai), e per chiedermi conferma (non è proprio sicuro di aver capito o scritto bene) di quando deve portarle