giovedì 23 giugno 2022

cultura e storia

Colta no, ma ha sempre letto. Anton mi fai arrabbiare. Non mi dirai che la cultura sia solo quella accademica. Ti assicuro che la cultura esula, tu lo sai bene, dall iter scolastico. Se ho imparato qualcosa l'ho imparato da quando finii di "studiare".
Quel che accadde dopo si chiama amore per l'apprendere, quel di prima era obbligo d'apprendere. E' l'amore di capire che fa la cultura. Tua mamma legge e ti ha dato l'esempio. Tu hai letto. Vorrei tanto che tu includessi la Storia fra i tuoi interessi. Fallo, credi a un vecchio, la Storia è la cultura completa.
Lo sai, tua mamma mi ha fatto il regalo di Natale più gradito, leggendomi. Ciao.

11 commenti:

  1. Vero, la storia l'ho imparata dopo le superiori dai racconti di vite vissute, nonni, persone anziani del ricovero, persone che ho avuto l'onore di conoscere in paese.
    Prima cosa ho imparato ad ascoltare e poi a rispettarle.
    Amo i giovani, credo in molti di loro, ma i miei preferiti, i miei amici più cari superano gli ottanta loro amano stare con me e io con loro.
    La storia spesso non è scritta solo sui libri Ciao, bel insegnamento il tuo che apprezzo molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e grazie a te del commento.
      giba nel lasciarci ha lasciato qualcosa. non solo a me.
      buon giorno

      Elimina
  2. Sono parole molto sagge queste.
    Oggi la Storia si studia ed anche molto bene. Non come un tempo secondo me.
    Ma è dopo che si acquisisce consapevolezza sull'importanza di conoscere e non con l'obbligo scolastico.
    Quindi concordo pienamente con ciò che ci hai voluto comunicare.
    Ci sono persone che dopo gli studi si fermano e dimenticano addirittura, molto di ciò che si è studiato. Invece se l'interesse continua per proprio conto, si scopre tanto di più, si ha maggiore sapere e si approfondisce nel migliore dei modi.
    La cultura e lo studio della Storia non si ferma con gli studi e non esiste solo se si studia la scuola dell'obbligo fino all'università ed oltre.
    La cultura non è un pezzo di carta tra le mani ma è il desiderio di conoscenza fino alla fine dei propri giorni.
    Grazie per questa riflessione Antonypoe, abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e grazie pure a te dell'approfondimento.
      per me c'era e c'è anche un motivo sentimentale che s'aggiunge.
      buon abbraccioso giorno

      Elimina
  3. Non può esistere un solo tipo di cultura, quella accademica deve fare i conti con quella esistenziale e viceversa. E' un equilibrio indispensabile. Sulla Storia come maestra di vita e cultura concordo: da noi praticamente non esiste e si vede, da noi esistono le ideologie e le storie costruite ad arte su di esse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. storia ideologica che in molti casi comincia subito dopo la scomparsa del protagonista.
      concordo sull'equilibrismo.
      buon giorno

      Elimina
  4. Il compito della scuola dovrebbe essere quello di suscitare interesse e fascino per la cultura. Spesso prevale solo il dovere, senza l’elemento passionale. In questo modo molti dopo gli anni di studio della scuola dell’obbligo lasceranno gli studi senza più ritornarci, senza più approfondire col rischio di dimenticare anche quello che hanno imparato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione: difetti di base e rischio molto elevato.
      buon giorno

      Elimina
  5. il discorso non fa una grinza. Ci sono più culture e più ce n'è e meglio è, direi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poi le grinze si possono stirare :)
      buon giorno

      Elimina